Il MEXICO di Deborah e Lorenzo.

Arriviamo a Mexico City proprio il 31dicembre, verso las cinco de la tarde, siamo esausti per il lungo viaggio, ma lo Zocalo è in fibrillazione, rimaniamo contagiati, e la stanchezza è sparita.

Pattinando allo Zocalo
Zocalo in fibrillazione
Teotihuacan

L’indomani ci dedichiamo a Teotihuacan: inesprimibili le sensazioni che sprigiona questo sito, forse perchè è il primo che visitiamo o forse perchè è semplicemente straordinario.

In viaggio in Chiapas

Ora il Chiapas, volo per Tuxtla Gutierrez e poi in taxi fino a San Cristobal;

il tempo qui è bruttino, anzi fa un freddo cane, non ce lo aspettavamo, decidiamo di imbucarci nel ristorante Mexcal e assaggiare una tipica specialità, lo stufato di cavallette.

Stufato di Cavallette al Mexcal

E’ forse a causa delle cavallette che nonostante il brutto tempo, iniziamo a fare un salto qua e là per la città.

San Cristobal

Approfittiamo anche di un venditore di spremute ambulante,un po’ di vitamina C male non fa mai male.

Spremuta Street San Cristobal
Agua Azul

Nei giorni a seguire andiamo alla ricerca di più calore e più natura, e di acque pure, spaziando dalle cascate di El Chiflon , 100km a sud di San Cristobal, a quelle di Misol Ha e Agua Azul vicino Palenque, dove

Palenque

di nuovo rimaniamo catturati dal mito dei Maya, mentre calpestiamo gli stessi sassi che calpestava Pacal il Grande 1400 anni fa. 

Ora ci spostiamo nella stupenda Merida e nello Yucatan: anche qui ci catturano i siti, ma ancor più rimaniamo affascinati dalla magia dei Cenote,

Cenote Piste

dove la bellezza della natura si fonde con i fantasmi della storia.

Isla Mujeres
Cozumel

Infine il mare, lo stupendo mare del Messico, da Isla Mujeres a Cozumel e poi giù fino a Tulum, dove un Guatì finge di sapere che ce ne stiamo andando e ci saluta con la coda, sembra dire Hasta la Vista Gringos…

Guatì: HASTA LA VISTA GRINGOS

 

 

 

 

 

 

 

Write A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.