Category

Blog

Category
Leggiamo su KUNK NEWS: 
Dopo la clamorosa sentenza della Cassazione, che renderebbe la coltivazione della cannabis legale, spacciatori inferociti:
– Così si perdono migliaia di posti di lavoro – urla Francys che da anni spaccia in centro a Bologna – se andiamo avanti così ci toccherà lasciare l’Italia, non è giusto.
Insorgono anche le Agenzie Viaggi, prende la parola Michelle, di Stoned Travel
– I ragazzi smetteranno di andare a stonarsi ad Amsterdam, perderemo molta clientela, in un settore già in crisi … – 
Sorridono invece le Associazioni dei Consumatori:
– Un po’ di sana concorrenza abbasserebbe i prezzi – sottolinea Gaetano. 
Sorriso triste invece quello di papà Francesco, agricoltore Filosofo:
–  Un grammo di cannabis costa come un quintale di mais, mentre il costo di produzione è uguale…Lo sa quanti grammi ci sono in un quintale? …parliamo di un guadagno 100.000 volte superiore. E’ questo il proibizionismo? La criminalità ringrazia. 
Obietta subito Paolo il Democratico:
– Non la pensano così le Comunità di recupero, che assolutamente respingono la legalizzazione, Lei come se lo spiega? 
– Bah.. – risponde a tono papà Francesco – sono senz’altro in buona fede, ma non risolveranno mai il problema, curano il malato e non l’epidemia.
Mi dica Lei piuttosto:  chi ci andrebbe in giro a vendere cannabis se costasse 10€ al quintale?  
– Io invece ai tossici li ammazzerei tutti  – irrompe Antonio detto il Ripetente, guardandosi attorno per cercare consenso – mi hanno già rubato due volte l’autoradio, mi hanno rotto il finestrino della macchina, quei maledetti, una volta ne ho quasi preso uno… ha fatto in tempo a scappare, se lo prendevo lo stendevo.. 
Nessuno lo incoraggia quindi siede borbottando.
Rompe il silenzio Maria, che dice di aver letto una cosa molto curiosa:
– ...fu la Bayer a inventare i primi tossicodipendenti;
all’inizio del ‘900 commercializzò con enorme successo il farmaco Heroin, 5 grammi di morfina senza ricetta. 
Nel girò di pochi decenni si crearono mezzo milione di farmacodipendenti nel mondo. Poi, a partire dal 1925 il farmaco venne bandito in tutti i paesi: 
dovendo approvvigionarsi al mercato nero, i farmacodipendenti si ritrovarono tossicodipendenti da un giorno all’altro  …
Ma anche oggi le case farmaceutiche stanno distruggendo generazioni di giovani, in Sudafrica per esempio, dove distribuiscono felicemente il BronCleer, a base di codeina, che sta uccidendo a grappolo i ragazzi dello Zimbabwe
– Quindi mi stai dicendo che la droga uccide?  chiede Paolo il Democratico, pleonasticamente.
FICTION TO BE CONTINUED
FATTI E PERSONAGGI ASSOLUTAMENTE IMMAGINARI, o no?
seguici
Il Biologo Fernando chiede la parola e interviene con approccio fanta-scientifico, senza preconcetti:
– Penso vadano considerarti due metri di giudizio, uno per le sostanze naturali e uno per i prodotti di sintesi, come la codeina appunto. 
 Le droghe pesanti, quelle potenzialmente letali, vengono prodotte in laboratorio con procedimenti chimici, l’obiettivo è di commercializzarle, legalmente o meno…
La cannabis invece nasce spontanea, è una pianta come le altre, proibirle di esistere dal punto di vista scientifico è un paradosso.
Se per assurdo scoprissimo che un comune insetto contenesse thc, supponiamo le mosche o le cimici, chi dovrebbe impedirci di farne una tisana o di fumarle?
per quanto discutibile sia una tisana di cimici … 
O forse gli Stati dovrebbero coalizzarsi per sterminare tutte le mosche e le cimici del pianeta?
Con un buon insetticida si potrebbe anche fare, ma le conseguenze quali sarebbero?
Romperemmo equilibri naturali millenari , per impedire a qualcuno di fumarsi le cimici…Un dispiegamento enorme di forze mondiali contro i fumatori di cimici e di mosche.
Ho finito, grazie.
Un silenzio assordante avvolge l’Aula Magna.
FICTION TO BE CONTINUED
FATTI E PERSONAGGI ASSOLUTAMENTE IMMAGINARI, o no?
seguici